Biologo Nutrizionista
Glucomannano Il   glucomannano   è   uno   zucchero   ad   alto   peso   molecolare,   filamentoso,   costituito   da   migliaia   di unità   di   glucosio   e   mannosio   in   rapporto   fisso   1:1,6.   Esso   è   presente   in   misura   abbondante   nella farina    ottenuta    dalla    radice    tuberosa    di    Amorphophallus    konjac,    pianta    nativa    dell’Asia subtropicale,   simile   ad   una   barbabietola   gigante.   Chimicamente,   la   struttura   del   glucomannao   è simile   a   quella   della   cellulosa   e   delle   pectina,   ma   al   contrario   della   cellulosa,   che   è   insolubile   in acqua,   il   glucomannano   è   idrosolubile   e,   in   relazione   al   grado   di   purezza,   assorbe   acqua   da   50   a 200   volte   il   suo   peso.   Sciolto   in   acqua,   il   glucomannano   forma   nel   giro   di   20-30   minuti   una soluzione   progressivamente   più   gelatinosa,   fino   a   raggiungere   una   viscosità   massima   dopo circa 3-4 ore.
Questo   effetto   si   verifica   anche   nello   stomaco   se   la   sostanza   è   assorbita   con   abbondante   acqua: dopo   pochi   minuti,   il   gel   inizia   rigonfiarsi   e   preme   contro   le   pareti   gastriche   distendendole   e determinando   un   effetto   saziante.   Se   si   dispone   di   glucomannano   con   elevato   grado   di   purezza, in   grado   cioè   di   assorbire   acqua   in   rapporto   1:   100,   una   capsula   da   2   grammi   di   glucomannano   è in   grado   di   trattenere   nello   stomaco   circa   200   grammi   di   acqua,   un   volume   considerevole   ai   fini della    sazietà.    L’effetto    saziante    costituisce    l’obiettivo    primario    della    somministrazione    di glucomannano   nei   soggetti   sovrappeso.   Nella   cucina   orientale,   la   farina   di   glucomannano   è utilizzata   come   additivo   a   varie   pietanze,   proprio   con   l’intento   di   favorire   il   senso   di   sazietà.   Negli ultimi   anni   la   farina   di   Konjac   ha   cominciato   ad   essere   utilizzata   per   la   preparazione   di   spaghetti e numerosi altri alimenti a basso contenuto calorico. Il   glucomannano   ha   anche   altre   proprietà   oltre   quelle   sazianti.   Il   gel   che   si   forma   a   contatto   con l’acqua   è   infatti   costituito   da   un   reticolo   a   maglie   strette,   che   intrappola   al   suo   interno   il   chimo,   il prodotto    iniziale    della    digestione,    rendendolo    poco    “visibile”    alle    successive    tappe    della digestione.   L’effetto   schermante   sembra   essere   alla   base   del   ridotto   assorbimento   di   lipidi   e carboidrati   osservato   nei   soggetti   che   assumono   almeno   2-3   grammi   di   glucomannano   al   giorno. Poiché   la   sostanza   assorbe   rapidamente   acqua,   l’uso   del   prodotto   in   polvere   è   sconsigliato   per   il rischio   che   esso   possa   rigonfiarsi   nell’esofago,   inducendo   soffocamento.   Negli   integratori   esso viene   quindi   confezionato   in   capsule   gelatinose,   che   liberano   il   contenuto   solo   nello   stomaco. Trattandosi   di   una   fibra   solubile,   il   glucomannano   induce   aumento   ed   ammorbidimento   della massa   fecale,   ed   è   quindi   indicato   nei   casi   di   stipsi.   L’uso   eccessivo   può   determinare   diarrea, flatulenza ed incontinenza fecale.
Studio di Nutrizione
Dr. Paride IANNELLA
Cassino -FR- Via Del Foro, 19 Tel. 331 9560 821
Approfondimenti