Biologo Nutrizionista
Aminoacidi ramificati Amminoacidi ramificati (BCAA) Dei   20   amminoacidi   presenti   nelle   proteine   umane,   8   sono   essenziali.   Sono   definiti   essenziali quelli    che    l’organismo    umano    non    è    in    grado    di    sintetizzare    autonomamente    in    quantità sufficiente   e   che   quindi   devono   essere   introdotti   con   la   dieta.   Di   questi   8   amminoacidi   essenziali, tre   presentano   catene   laterali   ramificate   (leucina,   isoleucina   e   valina).   Per   tale   motivo,   sono definiti ramificati e sono conosciuti con la sigla inglese BCAA (Branched-Chain Amino Acid). Negli     ultimi     anni     l’uso     dei BCAA   si   è   ampiamente   diffuso sia    fra    i    praticanti    di    body building      sia      fra      gli      atleti impegnati        in        sport        di resistenza    estrema,    come    la maratona     o     il     ciclismo     di fondo. La    fortuna    dei    BCAA    nello sport    è    (in    parte)    giustificata da     alcune     loro     caratteristiche     che     li     distinguono     dagli     altri amminoacidi.    La    prima    caratteristica    riguarda    l’assorbimento.    Gli amminoacidi   ramificati   sono   catturati   direttamente   dal   muscolo   e non   sono   metabolizzati   dal   fegato,   come   invece   avviene   per   tutti   gli altri    amminoacidi.    Avere    quindi    tre    amminoacidi    che    entrano direttamente   nel   muscolo   e   che   sono   impiegati   per   ricostruire   le proteine    muscolari    danneggiate    da    stress    meccanico    intenso, significa    avere    una    rapida    riparazione    delle    fibre    danneggiate    e quindi tempi di recupero più rapidi. La    seconda    caratteristica    è    che    le    proteine    del    muscolo    sono particolarmente   ricche   di   BCAA.   Conseguentemente,   dopo   intensa   attività   fisica,   quando   cioè   il danno   al   muscolo   è   maggiore,   la   fornitura   direttamente   in   loco   di   elevate   concentrazioni   di amminoacidi   ramificati   può   essere   più   vantaggiosa   che   non   assumere   un   mix   di   amminoacidi generici.   Inoltre,   la   leucina,   il   più   importante   dei   tre   BCAA,   sembra   comportarsi   come   sostanza anabolizzante,   facendo   aumentare   le   concentrazioni   di   ormone   della   crescita   (Growth   Hormon- GH-)   ed   accelerando   la   sintesi   di   proteine.   Infine   i   BCAA   possono   essere   utilizzati   dall’organismo come   combustibile   per   la   produzione   di   energia.   Fino   ad   alcuni   anni   fa   si   riteneva   che   l’uso   da parte   dell’organismo   dei   BCAA   come   riserva   di   energia   avvenisse   solo   in   casi   estremi,   quando   le scorte   di   glucosio   ed   acidi   grassi   erano   esaurite.   Studi   recenti   sembrano   però   suggerire   che   gli amminoacidi   ramificati   possono   contribuire   alla   fornitura   di   energia   molto   prima   di   quanto   non   si ritenesse in passato, già dopo i primi 50-60 minuti di esercizio aerobico intenso. Integratori a base di BCAA Nei    soggetti    con    alimentazione    variegata    e    di    buona    qualità, l’apporto   di   quantità   appropriate   di   tutti   gli   amminoacidi   è   garantito dalla   dieta.   In   condizioni   estreme,   l’integrazione   dei   tre   BCAA   non dovrebbe   superare   i   5g   al   giorno   (in   totale),   fermo   restando   che   il soggetto   sia   sano   e   non   abbia   malattie   renali.   Per   assunzioni   di durata   superiore   alle   6   settimane   si   raccomanda   il   monitoraggio medico.   Nel   settore   del   body   building      questi   valori   sono   quasi sempre   superati,   fino   ad   arrivare   a   16g   al   giorno   per   uomo   di   80   kg (0,2   g   per   kg   di   peso   corporeo).   Benché   questi   dosaggi   siano consigliati   da   preparatori   di   fama   mondiale,   la   loro   sicurezza   a lungo   termine   non   è   confermata.   Inoltre,   poiché   le   scorie   degli amminoacidi    sono    eliminate    per    via    renale,    i    soggetti    che assumono    BCAA    (o    integratori    a    base    di    proteine)    devono aumentare   il   consumo   di   acqua   in   misura   di   almeno   1   litro   ogni   5 grammi di BCAA. Gli   integratori   contenenti   amminoacidi   ramificati   sono   formulati   a   dosaggi   fissi,   con   la   leucina presente in quantità doppie, triple o quadruple rispetto ad isoleucina e valina. La    formulazione    2:1:1    è    quella    più    frequente    e    significa    che    la    leucina    è    presente    in concentrazione   doppia   rispetto   agli   altri   due.   Quindi,   in   10g   di   integratore   formulato   in   rapporto 2:1:1,   5g   sono   costituiti   da   leucina,   2,5g   da   isoleucina   e   2,5g   da   valina.   Negli   integratori   preparati per   il   bodybuilding   questi   rapporti   possono   essere   maggiorati   e   la   leucina   può   essere   presente   in proporzioni   fino   a   4   volte   maggiori,   cioè   con   un   rapporto   4:1:1.   Secondo   alcuni   autori   è   la   leucina il   vero   responsabile   dell’incremento   di   massa   muscolare   nei   bodybuilder,   grazie   ai   suoi   effetti ormono-simili,   e   ciò   spiega   perché   le   sue   concentrazioni   negli   integratori   sono   sempre   maggiori degli altri due amminoacidi.
Studio di Nutrizione
Dr. Paride IANNELLA
Cassino -FR- Via Del Foro, 19 Tel. 331 9560 821
Approfondimenti